Attraverso lo specchio: un libro di Silvia Calamandrei

Da decenni la Cina è  potenza mondiale in continua crescita e solleva timori e interesse in egual misura. Se ne studiano l’economia, la società, i presupposti culturali. Ma pochissimi possono vantarne una così lunga conoscenza diretta come Silvia Calamandrei, che vi giunse bambina coi genitori inviati dell’«Unità» pochi anni dopo la nascita della Repubblica popolare e vi ritornò giovane donna al tempo della Rivoluzione culturale, continuando fino ad oggi a dialogare con gli interpreti più autentici di quel messaggio di libertà ed eguaglianza che la Rivoluzione cinese avrebbe dovuto realizzare.

Il volume, di circa 170 pagine, pubblicato per i tipi di Edizioni di Storia e Letteratura, si dipana attraverso una sequenza di capitoli stimolanti: L’anno del pipistrello, L’agenda ritrovata, Una bambina italiana a Pechino, Foto e lettere premonitrici: i nasi lunghi,  Maria Teresa e Franco corrispondenti in Cina, La Cina ritrovata negli slogan delle piazze, Di là dallo specchio, Di qua dallo specchio, Ripiegamento e nuovi incontri, Gelo a Pechino, Soft and dark power, Confucio sulla via della Seta.

Si tratta di una storia unica e insieme corale delle idee, delle speranze e della febbre politica di un’intera generazione, un racconto fuori dall’ordinario che collega le riflessioni di un’intellettuale europea alle vicende di un grande popolo e di un grandioso esperimento politico sorto al centro del Ventesimo secolo e non ancora concluso.

Carlo Marino

#carlomarinoeuropeannewsagency

Esperto in relazioni internazionali. Giornalista della European News Agency (Germania), corrispondente da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.